CPL: che cos’è

CPL è l’acronimo di Cost Per Lead ed è riconosciuta come l’unità di misura economica che sta alla base dei Lead Generation Program.

Il CPL è determinato da una serie di fattori che si possono così riassumere:

Tipologia di mercato

Tipologia di qualificazione (che cosa si intende per qualificazione). Più la richiesta di qualificazione è dettagliata e approfondita e più aumenta il valore del CPL. Ad esempio nel caso l’obiettivo del cliente sia quello di disporre di un Lead Generation Program con 100 professioni del mondo building con la qualifica di architetto avremo un determinato CPL. Nel momento in cui il cliente desidera limitare la ricerca su base geografica, ad esempio solo in Piemonte il CPL aumenta. Se poi il cliente ritiene opportuno avere una lead solo di architetti del Piemonte specializzati in interior il CPL aumenterà nuovamente e così se si aggiungono altre richieste di ulteriore qualificazione. Queste richieste di qualificazione vengono genericamente denominate “filtri” proprio perchè vanno a “filtrare” e setacciare il numero di coloro che ripondono ai requisiti del cliente. Il CPL fotografa la complessità della ricerca richiesta.

E’ ovviamente fondamentale il fattore tempo. Più si stringono i tempi più aumenta il CPL.

E’ fondamentale il tipo di contenuto necessario per raggiungere i risultati nel Lead Generation Program. Più i contenuti sono di valore più sono impegnativi e costosi e conseguentemente portano a un aumento del CPL (in determinati casi la lead generation può essere realizzata con articoli di giornalisti specializzati, in altri casi è necessario dare vita a white paper di varia complessità, in altri casi ancora, occorre preparare dei video formativi o dei webinar).

Contatta l’ufficio commerciale








CONDIVIDI